crosssearchwhat-assetwhat-handwhat-infinitywhat-mathwhat-packagewhat-paperwhat-tree
| | Pie in the sky

Pie in the sky

Ritorni dell’S&P500 successivi a cali di mercato

Negli ultimi 100 anni circa, i rendimenti medi annualizzati dell’indice S&P500 a uno, tre e cinque anni successivi ad un calo di mercato superiore al 20% o 30% sono quasi identici rispetto ai rendimenti medi durante tutti i mesi del campione preso in considerazione. Quando il mercato è diminuito del 40% o più dai massimi storici, il vantaggio di comprare l’indice cosi a sconto è rilevante nel primo anno (l’S&P 500 tende a restituire il 25%), mentre a 5 anni la performance annualizzata si riduce al 12,8% rispetto all’11,1% durante tutti i mesi


Investitori Retail

Durante il rialzo che ha caratterizzato gli indici azionari post COVID, la partecipazione agli scambi degli investitori retail è aumentata in maniera sostanziale (anche grazie agli stimoli monetari ricevuti dal governo) fino a muovere il 16% dei volumi scambiati sul mercato a fine 2020 (linea azzurra). Nei mesi estivi del 2022, con il Nasdaq in rialzo del +20% dai minimi registrati a metà giugno, l’attività degli investitori retail è tornata sui livelli del 2021


Impatto del dollaro sulla revisione degli utili

Un dollaro più forte rende i prodotti americani più costosi per i consumatori internazionali che devono pagarli in una valuta che si è deprezzata nei suoi confronti. Il grafico evidenzia la correlazione tra l’apprezzamento del dollaro (linea blu) e la percentuale di aziende che rivedono al ribasso le proprie stime di utili (linea rossa)


Correlazione tra bond e azioni

Durante gli ultimi 25 anni la correlazione tra bond e azioni è quasi sempre stata negativa, ed ha raggiunto livelli estremi durante le fasi di maggiore volatilità (bolla .com, GFC e crisi Covid). Nel 2022 le due asset class si sono invece mosse nella stessa direzione (al ribasso) e la correlazione è ora positiva e sui livelli massimi degli ultimi vent’anni; questa dinamica è analoga a quanto vissuto per buona parte del secolo scorso, soprattutto durante periodi di elevata inflazione come gli anni ‘70


Aumento dei tassi a livello globale

Durante il 2022 più di 45 banche centrali nel mondo hanno alzato i  tassi d’intersse per tentare di calmierare il rialzo dei prezzi al consumo. Attualmente la percentuale di bond con un rendimento superiore al 4% è di circa il 60% di tutto l’obbligazionario mondiale, mentre questo valore era rimasto al di sotto del 25% nella decade successiva alla Grande Crisi Finanziaria, quando le banche centrali dei principali paesi sviluppati hanno utilizzato le misure di Quantitative Easing (QE) per stimolare l’economia mantenendo artificialmente bassi i tassi di interesse

Credito in Europa

A fine agosto il prezzo dei Credit Default Swap, o CDS (strumenti derivati che proteggono dal rischio di fallimento dell’emittente), sui titoli obbligazionari di aziende europee «Investment Grade» ha raggiunto i massimi dal biennio 2012-2013, periodo che è coinciso con la crisi del debito sovrano europeo


Crisi energetica in Europa

Il grafico mostra il costo relativo al consumo di petrolio, gas e carbone come percentuale del PIL nell’Unione Europea (linea arancione) e negli Stati Uniti (linea gialla). L’UE sta ora spendendo quasi il 12% del suo PIL in energia, rendendo l’impatto della crisi attuale peggiore rispetto allo shock petrolifero degli anni ‘70. Gli Stati Uniti, che sono invece un esportatore netto di energia, spendono meno della metà dell’UE


Importazioni europee di GNL

Le importazioni di Gas Naturale Liquefatto (GNL) in Europa sono aumentate su larga scala da metà del 2021. Nel 2022, nonostante  l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia e le conseguenti tensioni sull’approvvigionamento di gas nell’UE, la Russia ha aumentato la sua quota di esportazioni di GNL verso l’Europa (barra rossa). Questo trend è osservabile anche negli export di GNL degli Stati Uniti verso l’Europa (barra gialla): nei primi sei mesi del 2022, infatti, gli US hanno già esportato in Europa 39 miliardi di metri cubi di GNL, contro i 34 di tutto il 2021

Consumo di energia elettrica in Germania

Il clima caldo, le misure di risparmio energetico ed il minor consumo di gas per uso industriale causato dal rallentamento dell’economia tedesca hanno ridotto il consumo energetico della Germania nel 2022 (linea blu) di circa il 20% rispetto alla media degli ultimi 5 anni (linea bianca)


Consumo di gas naturale tra le nazioni europee

I tagli più profondi ai consumi di gas naturale nel 2022 rispetto alla media degli anni tra il 2017 ed il 2021 si osservano nei paesi che condividono un confine con la Russia, come la Finlandia e la Lettonia. Al contrario, Francia ed Italia non hanno quasi ridotto il consumo di gas, mentre in Spagna quest’ultimo è addirittura aumentato


    Visioni non convenzionali dal mondo della finanza: ogni settimana, analisi e approfondimenti per stimolare riflessioni.

    scrivendomi alla newsletter acconsento al trattamento dei miei dati e dichiaro di aver preso visione della Privacy Policy