crosssearchwhat-assetwhat-handwhat-infinitywhat-mathwhat-packagewhat-paperwhat-tree
| | Macro views

The new, new world order

Per tutti i post del giorno del giudizio e apocalittici disponibili su cui porre la vostra attenzione nell’età del coronavirus… ecco la seguente lettura non appartiene alla categoria. Invece, questo è un post sul riconoscimento dei modelli e sulla reversione media, ma in relazione al comportamento umano e ai cicli; una visione di come andranno le cose, passando dall’economia allo sport, all’assistenza sanitaria e oltre. Si prega di notare che non sono un esperto di scienze cognitive, storia o alethiologia, solo un epistemologo da poltrona, da non confondere con un epidemiologo da poltrona.

La maggior parte degli argomenti seguenti appaiono come previsioni, tuttavia, senza alcun interesse in gioco, le previsioni sono in gran parte inutili, poiché il predittore non ha nulla da perdere affermando semplicemente una previsione che si rivela essere sbagliata, soprattutto in un momento in cui il controllo o la responsabilità sono meno importanti del prossimo tweet piu’ o meno virale.

“Coloro che possiedono la conoscenza non predicono, coloro che predicono non possiedono la conoscenza”. -Lao Tzu

Invece di prevedere il futuro, cerco di mappare schemi dal passato al tempo presente per avere una visione di ciò che è probabile che accada nel prossimo futuro, ammettendo che non c’è semplicemente modo di sapere con assoluta certezza, ma gli schemi, per definizione, si ripetono e la storia tende a fare rima.

IL LOCALISMO

L’inizio della fine della globalizzazione è iniziato.

Da 40 anni gli Stati Uniti hanno smantellato le barriere commerciali internazionali e le imprese si sono concentrate maggiormente sulla finanziarizzazione delle loro attività attraverso la magia contabile, la legalizzazione dei buy back azionari nel 1982 (sostenendo così una delle prime bolle di attività finanziarie) e l’annuncio di amministratori delegati come Jack Welch, super coccolati da Wall Street, che gonfiavano il prezzo delle azioni della propria società a tutti i costi, affondando allo stesso tempo le speranze a lungo termine della società di rimanere competitiva. Welch ha chiuso le fabbriche, ridotto la ricerca e sviluppo e licenziato 112.000 dipendenti dal 1980 al 1985. Il 40% della capitalizzazione di mercato di GE al suo apice, proveniva dal suo braccio di servizi finanziari, GE Capital.

Sfortunamtamente per loro, tutto ciò non ha funzionato.

“La finanziarizzazione ha inquinato l’intero processo di investimento fisico, i mercati del lavoro e il ciclo di innovazione delle imprese. Il danno che infligge agli investimenti nel capitale fisico e umano è estremamente importante, perché questo è ciò che rallenta la crescita “. -Andrew Haldane, capo economista della Bank of England

Le aziende si sono in gran parte concentrate sullo sviluppo del prodotto più economico possibile per la più ampia base di consumatori mentre assumono chi ha conseguito MBA e consulenti per aiutare ad incrementare l’alfa al fine di sostenere il prezzo delle loro azioni. Il risultato? Un numero inferiore di impianti di produzione è rimasto aperto negli Stati Uniti e l’innovazione della catena di approvvigionamento si è in gran parte spostata al largo. Gli Stati Uniti sono ancora un importante produttore di beni industriali come petrolio e acciaio, ma il lavoratore che assembla banchi o cuce abiti è quasi inesistente.

Data la morsa che il coronavirus sta avendo sulla supply chain globale, l’autosufficienza e l produzione interna sono ora interesse di sicurezza nazionale. Il pendolo di manodopera e beni a basso costo prodotti fuori dal paese sta tornando alla patria.

“Made in America” ​​è un meme appropriato per il recente aumento del populismo guidato da Steve Bannon e dall’amministrazione Trump. Lo slancio populista probabilmente agirà come un vento di coda per il “fare in America”. In effetti, uno dei consulenti economici di Trump, Larry Kudlow, ha recentemente lanciato l’idea di “pagare i costi di trasferimento” affinché le aziende lascino la Cina e tornino a casa. Questo non è un problema partigiano. Matthew Stoller , un liberal-democratico, condivide una simile vista riguardo al garantire la nostra catena di fornitura, portando a casa la produzione , e il distaccamento dalla Cina.

Pertanto, è molto probabile che la produzione interna ritorni negli Stati Uniti, il che significa che i prezzi delle merci saliranno, il che è comunemente noto come inflazione.

I RUGGENTI ANNI 20 DELL’INFLAZIONE

Supponendo che il livello di produzione interna aumenti, i prezzi saliranno di pari passo. Perché? Beh, è naturale, un operaio in fabbrica a Shenzhen costa meno costoso di un operaio di fabbrica a Columbus, Ohio. Questa è la semplice ragione.

I politici “monetaristi” hanno goduto di un costante declino dell’inflazione da quando, avete indovinato, è iniziata l’era di Regan.

Per gli ultimi 40 anni, l’inflazione è stata in calo e di questo ne hanno beneficiato i consumatori. I prezzi dei beni sono rimasti incredibilmente bassi, ma gli asset di maggior rischio come case e azioni, non così tanto.

A questo punto però potresti pensare, se i prezzi salgono e i consumatori hanno meno disponibilità a causa di un’economia in affanno, come potranno permettersi di comprare?

Lascia che ti parli dell’Universal Basic Income, detta UBI.

Nel breve periodo, sarà UBI il supporto per lo shock dei consumatori per i prezzi più elevati così come per l’impatto dell’automazione che ricopre la maggior parte dei lavori di produzione. È vero che probabilmente la produzione tornerà negli Stati Uniti, ma la maggior parte di questa produzione sarà automatizzata.

Una volta che la palla UBI inizierà a rotolare, non è possibile fermarla, né tornare indietro. Sarebbe un suicidio per un politico smettere di pagare le persone per nutrire le loro famiglie con i loro “controlli di stimolo”. Quasi da un giorno all’altro, il partito “fiscalmente responsabile” e l’attuale amministrazione sono passati dalla lotta contro qualsiasi cosa associata a distanza al socialismo, al deposito diretto di denaro sui conti bancari dei cittadini. Il faccia a faccia è sorprendente, ma chiariamo che una volta acceso il rubinetto del socialismo, non si spegne e, di fatto, sgorga solo. Il quantitative easing (QE) è l’esempio canonico, ma è il socialismo per i ricchi, non per tutti gli altri. Il socialismo per pochi porta al socialismo per tutti ed eccoci qui.

QE ∞ (QE infinity)

Nel 2008 la Federal Reserve, alias “la Fed”, ha emanato il suo primo round, il QE1, di quantitative easing attraverso l’acquisto di titoli di Stato, titoli garantiti da ipoteca e altre attività per aggiungere denaro direttamente all’economia. A giugno 2010, la Fed deteneva in bilancio attività per un valore di 2,1 trilioni di dollari.

Ben Bernanke, il presidente della Fed durante la crisi finanziaria globale, era convinto che nel lungo termine la sua politica sarebbe stata positiva per allentare la tensione sul sistema finanziario e sarebbe diventata uno strumento oltre il taglio dei tassi di interesse per stimolare l’economia sia durante il periodo di crisi che dopo. Tuttavia, quel QE era ancora un esperimento che ora stiamo vedendo svolgersi in modo del tutto diverso dal previsto.

Il QE abbinato ai salvataggi bancari (e non solo, si pensi a General Motors) sono stati ritenuti necessari all’epoca, per riportare l’ordine sui mercati e infondere fiducia nelle banche e, in ultima analisi, nei consumatori. Tuttavia, il denaro a basso costo inondava i mercati e con i tassi di interesse a zero, l’obiettivo del denaro non era quello di essere risparmiato (non si guadagna nulla allo 0%) ma di essere speso, per stimolare l’economia. Ricordiamo che più di ⅔ del PIL del Paese si basa sulla spesa per i consumi.

Il problema di stimolare artificialmente l’economia espandendo la massa monetaria è che i risparmiatori non possono risparmiare per la pensione in modo sicuro o con un rischio limitato – devono investire in attività più rischiose per ottenere un rendimento, da qui il meteorico aumento visto nell’ultimo decennio nel mercato immobiliare, nei mercati azionari, nelle start-up supportate da venture-backed, ecc.

E la nostra bolla multi-asset è ora in crescita…

Alla fine di febbraio 2020, dopo 11 anni di offerte di attività ad alto rischio, abbiamo iniziato ad assistere al disfacimento di mercati radicalmente e clamorosamente mal valutati. Il più rapido calo del 30% e più veloce mai registrato sul mercato azionario, nonché una delle mosse più estreme mai avvenute sui mercati obbligazionari, che ha provocato il crollo dei mercati globali e il quasi azzeramento di una serie di importanti hedge funds “risk parity”. Non preoccupatevi, sono stati salvati per primi.

Da allora, il presidente della Fed, Jerome Powell, ha preso ciò che Bernanke aveva iniziato e gli ha iniettato steroidi. Non solo Powell ha aumentato drasticamente il bilancio della Fed, ma sta anche ampliando i tipi di attività che la Fed può acquistare, tra cui le obbligazioni a tasso junk-rated. Esatto, spazzatura.

La Fed ha anche annunciato che avrebbe acquistato un “importo illimitato” di titoli del Tesoro e di titoli garantiti da ipoteca per sostenere il mercato finanziario. Una volta messo in moto il QE, non si ferma e richiede sempre di più per soddisfare le sue esigenze.

Il QE infinito è la conclusione logica di QE1.

Lo stesso schema vale per UBI.

UBI1 porta a UBI infinito.

La politica monetaria aggressiva della Fed elimina completamente i modelli accurati di scoperta/valutazione dei prezzi per le imprese. È chiaro: la Fed si limiterà a bloccare tutto ciò che ritiene rischioso per la crescita economica. Si spingerà più in basso nella struttura del capitale, le obbligazioni spazzatura, per salvare queste imprese. Tutte quelle formule economiche per la valutazione delle aziende insegnate alla business school sono ormai prive di significato.

Per dirla in un altro modo, la Fed sta stimolando un socialismo per pochi, sostenendo e premiando gli amministratori delegati delle aziende quotate in borsa per aver gestito male il rischio e non aver permesso loro di fallire.

Spostandosi più in basso nella struttura del capitale, la Fed sta sostenendo gli investitori preferenziali nelle imprese private e quindi, in ultima analisi, sta sostenendo i loro prezzi delle azioni. Perché? Ecco un semplice esempio.

Supponiamo che la Boeing sia diretta al fallimento. In una ristrutturazione, gli azionisti vengono eliminati per primi in quanto si trovano in fondo alla struttura del capitale. Quelli più in alto nella struttura perdono meno, se vogliamo dirla così. Quindi supponiamo che tu sia un obbligazionista della Boeing 2030 (questo è l’anno) e sei preoccupato di perdere soldi sul tuo investimento se l’azienda fallisce. Cosa fai? Venderai l’obbligazione per ridurre le perdite.

Ora, immaginate che la Federal Reserve sia lì per catturarvi acquistando quelle obbligazioni. Siete stati salvati su cauzione.

Ma dato che i detentori di credito hanno più o meno la garanzia che le loro obbligazioni Boeing varranno dei soldi, la probabilità che l’azienda fallisca diminuisce e questo si riflette sul prezzo delle azioni. Quindi i detentori di azioni ne sono ben felici! Il valore delle loro azioni Boeing continuerà a crescere.

Purtroppo, il 92% di tutte le azioni è posseduto solo dal 20% degli americani, e il divario tra classi sociali si allarga ancora di più.

NAZIONALIZZAZIONE PER PROCURA

In Francia, la compagnia di bandiera, Air France, è una compagnia aerea nazionalizzata. Che cosa poco americana sarebbe da fare qui a casa nostra! Non lo faremmo mai ai nostri titani del settore, perché sarebbe socialista e anticapitalista, no? Eppure, data la nuova e più ampia politica di QE della Fed, abbiamo ora la “nazionalizzazione per procura”.

Prendiamo ad esempio le compagnie aeree. Negli ultimi 40 anni, il settore delle compagnie aeree ha visto un estremo livello di consolidamento tra i grandi vettori. I consumatori hanno ora la possibilità di scegliere fra tre grandi compagnie aeree: United, Delta e American Airlines.

Ora, cosa succederebbe se tutte queste compagnie aeree fallissero nello stesso momento? Questo avrebbe un effetto devastante sull’economia, quindi è naturale agire per sostenerle.

Ma i politici non possono dormire bene la notte se avessero semplicemente nazionalizzato un’intera industria o un insieme di aziende all’interno di un settore. Che cosa poco americana sarebbe?

Quindi, invece di nazionalizzarli direttamente, lo facciamo indirettamente, sostenendoli finanziariamente con l’acquisto da parte della Fed di una struttura di capitale più profonda (junk bond). Invece di far fallire o far andare in bancarotta le aziende, il business può continuare, come al solito, sapendo che il governo federale le sostiene a livello di capitale senza restrizioni o ricorso a cattivi attori o cattiva gestione. Queste compagnie aeree rimangono “americane” nel senso che non le nazionalizziamo direttamente, e i politici possono salvare la faccia al fatto che “non siamo la Francia”.

Quali aziende vengono salvate? Le aziende da cui dipende un intero settore (Boeing).

Quali industrie vengono salvate? Industrie da cui dipendono altre industrie (Airlines).

L’ASSISTENZA SANITARIA NAZIONALE È LA SICUREZZA NAZIONALE

Ricapitoliamo. Abbiamo la UBI. Abbiamo la nazionalizzazione delle aziende, per delega. L’unico elemento mancante è l’assistenza sanitaria universale.

Ma come possiamo fare in modo che gli ultimi 40 anni di discorsi politici contro un sistema sanitario nazionale reggano davvero? I donatori politici non moriranno di un nemico invisibile perché vogliono seguire la linea del partito. Al contrario, basta fare in modo che sia un interesse di sicurezza nazionale.

Gli Stati Uniti sono armati fino ai denti. Quasi la metà delle armi da fuoco civili nel mondo sono nelle mani dei cittadini americani che surclassano qualsiasi cittadino di qualsiasi altro paese per ordine di grandezza.

Eppure un nemico invisibile che non può essere colpito o bombardato con i droni è ciò che ha messo in ginocchio il Paese.

Come ci difendiamo da questa situazione? Immunità universale.

Gli Stati Uniti dovranno finalmente creare un piano sanitario nazionale che apparirà ancora guidato da aziende private a scopo di lucro (nazionalizzazione per procura) per proteggere la nostra nazione da un attacco virale in futuro. I microbi sono i terroristi di questo decennio.

I regolamenti sanitari e medici saranno rasi al suolo. La privacy sarà spogliata, ma tutto in nome della sicurezza nazionale. Abbiamo già visto questo schema in passato.

Ricordiamo che gli Stati Uniti hanno sovraindicizzato gli attacchi dell’11 settembre iniziando due guerre in due paesi stranieri, ma il Congresso ha anche approvato il Patriot Act.

Molte strutture mediche oggi sono completamente mal equipaggiate per rispondere a una crisi sanitaria di massa, che si tratti di un virus o meno. Immaginate che le nostre truppe in una base in Afghanistan non abbiano abbastanza munizioni per sparare con le loro armi. Non permetteremmo mai che ciò accada. Come possiamo permettere che i nostri medici e infermieri non abbiano le loro “munizioni” per combattere quest’ultima minaccia qui a casa nostra?

Il coronavirus ha individuato una grande debolezza nella difesa nazionale degli Stati Uniti: il sistema sanitario. Ogni organizzazione terroristica sulla Terra ha ora il manuale per attaccare con successo gli Stati Uniti – scatenare un virus.

Si potrebbe pensare che non sia così semplice “scatenare un virus”, eppure è esattamente quello che con ogni probabilità è successo, anche se indirettamente, poiché è altamente improbabile che il presidente Xi dalla Cina rilasci intenzionalmente il coronavirus e che successivamente bombardi l’economia globale portando instabilità al suo Paese, un Paese che brama la stabilità.

Come può uno Stato canaglia o un’organizzazione terroristica creare un virus mortale? La ricerca scientifica, disponibile al pubblico, fornisce tutte le informazioni necessarie. Infatti, nel 2015, una ricerca specifica su quello che oggi è conosciuto come il virus SARS-CoV-2 è stata pubblicata da Ralph Baric e sono state sollevate preoccupazioni da parte dei colleghi dell’industria circa il potenziale catastrofico del virus.

“Se il virus fosse sfuggito, nessuno avrebbe potuto prevederne la traiettoria”.

– Simon Wain-Hobson, virologo dell’Istituto Pasteur di Parigi

Poiché non c’è modo di fermare del tutto la ricerca accademica o di ritrattare ricerche già pubblicate, gli Stati Uniti devono giocare in difesa e non in attacco. E la difesa, in questo caso, è una popolazione immune e un sistema sanitario ben fornito, altamente organizzato e logisticamente efficiente.

L’assistenza sanitaria nazionale è la sicurezza nazionale.

Quando un vaccino per il coronavirus sarà finalmente disponibile, e le procedure di test vengono lanciate in massa, la domanda successiva posta dal vostro datore di lavoro, dal vostro agente TSA o dal proprietario del ristorante sarà “tu sei immune”? Ma parlare è facile. Bisogna provarlo.

LA PROVA DELLA SALUTE

Oggi, se si vuole volare su un aereo (al di là del proprio jet privato), è necessario dimostrare la propria identità – di solito è sufficiente il passaporto o la patente di guida. Ma se il tuo nome è sulla lista dei terroristi, non puoi salire a bordo dell’aereo.

Come facciamo a sapere che i passeggeri che arrivano al JFK da Parigi non ospitano un “microbo terrorista” – un virus?

Sospetto che una “prova di immunità” o “prova di salute” sarà richiesta non solo da tutti i passeggeri che cercano di salire a bordo di un volo, ma anche dagli appassionati di sport che entrano in un’arena, dai partecipanti a conferenze tecnologiche, dai viaggiatori di navi da crociera, ecc. Proprio come un metal detector disabilita e dissuade la gente armata dall’entrare in un locale musicale, la temperatura corporea e lo screening termico e, infine, i test sierologici quasi istantanei possono diventare la norma. A Wuhan, questo tipo di procedure sono già in corso per i lavoratori che vogliono tornare in ufficio o in fabbrica.

Alla fine, il caso probabilmente migliore per convalidare l’immunità alla malattia COVID-19 è quello di confermare o negare che qualcuno abbia ricevuto il vaccino (dopo che è stato sviluppato e distribuito su ampia scala).

Come estensione della tua prova di identità, della tua prova di salute diventa probabilmente ancora più importante della prova di chi sei. Eppure, proprio come i documenti d’identità falsi, le dichiarazioni fraudolente di benessere o di vaccinazione saranno dilaganti e, poiché attualmente non esiste uno standard riconosciuto a livello globale per la prova della salute, è necessario crearne uno.

FIDARSI DI MENO E VERIFICARE

C’è un’ironia nascosta nello sviluppo di software open source che la sfida con qualsiasi standard aperto è che ce ne sono così tanti tra cui scegliere. Prendete l’USB, sapete, l’Universal Serial Bus. Perché abbiamo così tanti tipi di soluzioni universali? USB micro, mini, A, B e C?

Ora, immaginate di cercare di far sì che i capi di stato e i dirigenti sanitari di ogni paese si allineino tutti su uno standard universale per dimostrare la propria immunità.

Facile, vero?

Ora provate a immaginare di assicurare che ogni paese si allinei secondo questo standard concordato.

Un gioco da ragazzi.

Ora provate a immaginare che ogni paese si fidi di ogni altro paese.

Si, no.

Se la prova dei dati sanitari di un cittadino è memorizzata all’interno del centro dati di uno stato nazionale o anche di un fornitore di cloud a scopo di lucro come AWS di Amazon o Azure di Microsoft, come può l’agente della pattuglia di frontiera sapere con certezza che la scansione della prova di un certificato sanitario di una persona è valida? Non può.

Invece di affidarsi a un’autorità centralizzata per assicurarsi che i dati sanitari di una persona non siano stati modificati, manomessi o addirittura disponibili facilmente per chiunque, la prova della propria salute deve rimanere su un registro decentralizzato e distribuito peer-to-peer, noto anche come catena di blocco pubblica.

Ipotesi: la prova dell’immunità viene cancellata e conservata come una transazione valida su blockchain. Queste blockchain sono a prova di errore, ridondanti a livello globale, a prova di manomissione e peer-to-peer, il che significa che nessuna autorità o regime centralizzato può forzarle o distruggerle. La prova della salute può essere il primo caso di utilizzo nel mondo reale supportato dalla prova della posta in gioco.

Abbiamo bisogno di piccoli passi per arrivarci, ma Apple e Google si sono recentemente uniti per dare il via al processo di evoluzione dell’uso degli smartphone e del comportamento dei consumatori per contribuire alla salute globale e all’immunità attraverso la tracciabilità dei contatti. E sì, la privacy è una delle preoccupazioni principali, ma almeno si stanno impegnando per una forte crittografia nella sua implementazione.

STRUTTURE MEDICHE 2.0

Di recente, ho avuto bisogno di una risonanza magnetica per confermare o negare di essermi lesionato nuovamente il legamento anteriore del ginocchio sinistro. Il processo è stato incredibilmente arcaico. Vi risparmierò i dettagli, ma ciò che mi è sembrato del tutto arretrato è che mi sono state fornite le immagini della risonanza magnetica su CD-ROM. Non ho un’unità ottica nel mio computer da almeno un decennio, così ho chiesto se potevano semplicemente inviarmele via e-mail. Non potevano. A proposito, questo è successo a San Francisco, l’epicentro dell’innovazione tecnologica.

Le strutture mediche sono state lasciate indietro tecnologicamente mentre quasi ogni altro settore ha attraversato la propria trasformazione digitale. Anche la finanza, tipicamente una delle industrie più conservatrici in relazione al cambiamento, ha migliorato notevolmente le sue capacità tecnologiche, come dimostra la sua capacità di adattarsi a un ambiente di lavoro remoto e isolato quasi da un giorno all’altro, da quando il coronavirus ha colpito gli Stati Uniti Goldman Sachs ha notato che il 98% della loro intera forza lavoro lavora ora in remoto. L’amministratore delegato di Morgan Stanley sta persino riconsiderando il loro portafoglio immobiliare per uffici, poiché afferma: “Abbiamo dimostrato di poter operare in modo efficace senza la necessità di una base”. Ne parleremo più tardi.

Eppure i medici e gli operatori del personale di supporto non possono semplicemente lavorare da casa (ancora), ma non c’è motivo per cui le strutture debbano assomigliare a un vecchio episodio di ER. Com’è possibile che conosciamo il numero di posti auto disponibili in un parcheggio Whole Foods, ma non sappiamo quanti letti di terapia intensiva ci sono in un ospedale?

Dando la priorità alla salute nazionale come questione di sicurezza nazionale, le aziende esistenti e le nuove start-up possono essere al servizio della trasformazione digitale e del rafforzamento delle strutture mediche della nostra nazione. A differenza delle conseguenze della crisi finanziaria globale, in cui è stata aggiunta una maggiore regolamentazione al settore finanziario, decenni di regolamentazione verranno persi, attirando un numero ancora maggiore di dollari di investimento a favore di questo lavoro di modernizzazione.

Il compito sarà erculeo, ma se gli americani condividono l’interesse comune di sconfiggere il nemico (il virus e i virus futuri); vedremo un appiglio alla ripresa intorno alla fortificazione dei nostri ospedali che probabilmente permetterà a molte persone di tornare al lavoro o di ottenere un nuovo lavoro in “difesa sanitaria”.

DIVISIONE DELLA CLASSE OPERAIA – NUVOLA CONTRO TERRA

Gli effetti della chiusura quasi nazionale dell’economia statunitense hanno messo a nudo la fragilità del mercato del lavoro, visto che oltre 20 milioni di americani hanno chiesto il sussidio di disoccupazione entro le prime quattro settimane dall’inizio del lock down, un numero mozzafiato. Le stime collocano il tasso di disoccupazione tra il 18% e il 20%, un tasso impensabile solo un paio di mesi fa.

Ciò che è più significativo, però, è che tipo di lavoro fa chi è rimasto attualmente occupato.

La maggior parte dei lavori “da colletti bianchi” sono passati  da un ufficio a un ambiente di lavoro da casa, poiché normalmente le riunioni di persona possono essere svolte in videoconferenza utilizzando prodotti come Zoom, Google Hangouts o Microsoft Teams. La posta elettronica e la messaggistica sono sempre state asincrone. Una telefonata è l’ultima risorsa. La maggior parte delle attività quotidiane di questi lavoratori sono facilitate e gestite nel cloud.

D’altra parte, le “imprese essenziali” che sono rimaste aperte sono in gran parte lavori “da operai”, in particolare i fattorini. Instacart, Walmart e Amazon stanno tutti assumendo centinaia di migliaia di persone per sostenere la domanda travolgente di consegna di merci che vanno dai puzzle per bambini ai generi alimentari. La maggior parte dei compiti quotidiani di questi lavoratori si svolge sulla terraferma.

Ed ecco fatto. L’ultima iterazione della linea di divisione della forza lavoro; quello che una volta era il colore del tuo colletto, ora è se lavori o meno sulla terraferma.

Un aspetto positivo per i lavoratori della terra può essere una rinascita della sindacalizzazione, dato che sembra che il calo di oltre 60 anni di iscrizioni al sindacato abbia iniziato a diminuire intorno al 2016, con un aumento delle iscrizioni al sindacato, guidato principalmente da Millenials.

Il virus ha costretto le aziende a reagire rapidamente alle richieste dei loro dipendenti e/o appaltatori. I lavoratori di Amazon e gli operai di Instacart hanno inscenato scioperi, chiedendo attrezzature di protezione personale durante il lavoro e sostegno sanitario e finanziario se dovessero essere infettati dal virus. Infatti, un nuovo sindacato, Gig Workers Collective, sta cercando di ottenere lo status di 501(c)(3) senza scopo di lucro e mira ad essere “il fulcro della lotta per una giusta retribuzione e un miglior trattamento per tutti i lavoratori dell’economia del lavoro, dagli Shoppers Instacart ai Lyft Drivers”. Il pendolo verso i diritti dei lavoratori sembra oscillare all’indietro.

CAPACITÀ IN ECCESSO à ON-DEMAND CORPORATE EDITION

Negli ultimi 12 anni e oltre, abbiamo visto il desiderio dei consumatori e, in ultima analisi, delle imprese di ridurre la necessità di inattività o la capacità in eccesso di beni o servizi e di procedere verso una maggiore efficienza attraverso l’utilizzo dell’on-demand.

Prendete Uber. O Airbnb. O anche il cloud computing. Questo importante cambiamento ha completamente sconvolto interi settori (ad es. i taxi) e ha anche insegnato ai consumatori ad aspettarsi uno stile di vita on-demand e “lease-able”.

Eppure questa tendenza non è stata adottata dal settore immobiliare commerciale e degli spazi per uffici. WeWork ha tentato di creare spazi per uffici più economici, ma il loro modello non ha necessariamente avuto successo, poiché la loro attività non si basava tanto sull’utilizzo di capacità in eccesso, quanto piuttosto sull’eliminazione delle difficoltà derivanti dall’affitto di spazi per uffici. Breather, d’altra parte, ha prosperato cavalcando la tendenza degli spazi di lavoro su richiesta, disponibili a ore.

Tuttavia, il target di Breather non è Morgan Stanley o AT&T. E ora che molti dei dipendenti di queste aziende lavorano “nella nuvola”, i team di leadership stanno iniziando a prendere in considerazione la necessità delle capacità inutilizzate – le scrivanie e gli uffici dedicati non sono solo uno spreco, ma una responsabilità.

Immaginate che l’attuale esigenza di lavoro da casa di un’azienda venga annullata e che a tutti venga richiesto di tornare al lavoro solo per far sì che qualcuno infetti uno o decine di altri dipendenti con un virus mortale. I rischi legali in questo caso sono enormi e probabilmente costituiscono un precedente.

Sospetto che vedremo molte aziende che hanno lavoratori “cloud” incontrarsi solo in base alle necessità; i giorni in cui i colletti bianchi dovevano recarsi in ufficio dalle 9.00 alle 17.00, dal lunedì al venerdì, sono ormai lontani.

Qual è l’impatto sul settore immobiliare commerciale? Se i centri commerciali sono il principale indicatore di ciò che accade quando un core business “mattoni e malta” si sposta verso la nuvola, le prospettive non sono rosee.

LA FORMAZIONE PROFESSIONALE PROSPERA, LE UNIVERSITÀ SI RILASSANO

Costringere i lavoratori a tornare in ufficio non è solo una responsabilità legale per le imprese, ma è un rischio enorme anche per i college e le università. Immaginate di chiedere agli studenti di sedersi in un’aula circondata da potenziali ospiti di un agente patogeno letale: i compagni di studio. Ma il virus è solo il primo di molti problemi che l’istruzione superiore tradizionale deve affrontare.

In primo luogo, il costo dell’istruzione universitaria continua ad aumentare ed è in gran parte insostenibile per la maggior parte degli studenti, costringendo molti di loro ad assumersi debiti consistenti per ottenere anche una laurea. Il debito del prestito studentesco stesso è ora una bolla mostruosa di 1.641 trilioni di dollari alla fine del 2019.

Inoltre, “università prestigiose” sono state recentemente ritenute responsabili dal governo federale, poiché molti genitori benestanti sono stati accusati e incriminati per aver corrotto affinché i loro figli accedessero a queste scuole cosi’ esclusive.

L’aura magica di una laurea a Stanford o Yale è ancora valida, ma ha certamente perso un po’ del suo splendore a causa della stampa negativa e degli alti costi di frequentazione.

Dato che sempre più studenti riconoscono la nuova divisione dello spettro del lavoro (cloud contro terra) e valutano la possibilità di entrare nel nuovo rilancio dell’industria manifatturiera nazionale o anche nel settore della difesa sanitaria, una laurea in giornalismo della NYU con oltre 150.000 dollari di debito sarà ancora altrettanto attraente?

I massicci corsi online aperti o MOOC sono cresciuti in modo esponenziale nell’ultimo decennio in termini di partecipanti e aree di studio. Ora è possibile ottenere un master o un certificato professionale in una miriade di materie.

La presenza dei MOOC accelererà solo il post-coronavirus, poiché l’apprendimento a distanza avviene sempre più spesso a livello di istruzione primaria, ma, cosa più importante, questi MOOC possono raggiungere un pubblico molto più ampio per una frazione del costo ed eliminare completamente i rischi sanitari associati al reclutamento degli studenti in un’aula. Come bonus, i MOOC possono sfruttare i vantaggi della moderna tecnologia, compresi i servizi di intelligenza artificiale come la traduzione automatica delle lingue e il miglioramento delle caratteristiche di accessibilità per le persone con disabilità visive e/o destrezza.

Eppure l’istruzione superiore è solo una metà del puzzle – riqualificare la nostra forza lavoro sulle moderne tecniche di produzione e sui macchinari  sul funzionamento della robotica è un’abilità professionale che sarà disperatamente necessaria.

Immaginate di provare a costruire un iPhone a casa. I requisiti non sono solo la volontà di produrre a casa e di ottenere le materie prime come gli elementi di terre rare, ma gli operai della fabbrica devono capire come assemblare utilizzando macchinari all’avanguardia. Gli Stati Uniti sono molto indietro.

Se gli Stati Uniti sono seriamente intenzionati a garantire la sicurezza della propria catena di approvvigionamento attraverso la produzione domestica, devono formare e riqualificare i lavoratori su vasta scala utilizzando le più recenti tecnologie e tecniche. La Cina ha padroneggiato la moderna linea di automazione delle fabbriche. È come se gli Stati Uniti dovessero condurre lo spionaggio industriale sui cinesi per capire come produrre in modo efficiente! Una soluzione provvisoria? Investire nelle comunità e nelle scuole professionali per educare e formare questa nuova legione di operai.

Per essere chiari, la fascia alta dell’istruzione, la Ivy League, e le scuole comunitarie e professionali più accessibili e scalabili continueranno a prosperare nel prossimo futuro, ma sono quelle nel mezzo che ne soffriranno, come già evidenziato dalla caduta dell’Hampshire College e dalla chiusura della Concordia University.

Queste università hanno dotazioni più piccole ma, peggio ancora, molte hanno deciso di puntare sulla vanità in una strategia di business sostenibile a lungo termine. La LSU ha costruito un fiume artificiale. L’Università di Akron ha costruito un fiume artificiale così come una parete di arrampicata su roccia di 56 metri e un centro benessere per il tempo libero. Il cibo gourmet nelle caffetterie è ora in gioco a tavola. Di conseguenza, molte altre di queste università chiuderanno i battenti quando questo livello di eccesso inizierà a diminuire.

SPORT E DIVERTIMENTO

All’inizio di quest’anno ho avuto la fortuna di assistere alla partita di NBA, All-Star Game. È stato emozionante (il tributo a Kobe Bryant), sgargiante (gli esempi di eccesso abbondano) e rinvigorente, visto il nuovo formato All-Star game. Non sapevo che sarebbe stato l’ultimo All-Star NBA per un bel po’ di tempo. Voglio assolutamente sbagliarmi su questo. Fidatevi di me.

Ma ancora una volta i rischi legali e sanitari associati ai grandi raduni non si fermano all’ingresso di un’arena o di uno stadio. Un virus non si preoccupa se la vostra squadra è destinata a vincere il Super Bowl. Senza controlli della temperatura, prove di salute e/o test sierologici istantanei, trovo difficile credere che migliaia di persone si riuniscano nelle arene per vedere qualcuno prendere una palla.

La soluzione ovvia è quella di farli giocare, ma senza spettatori.

Sì, come no.

Vi immaginate la partita 7 delle World Series, è la fine del 9° inning, con 2 out, la squadra di casa è sotto di 1 run con un corridore in posizione di punteggio, il conteggio è pieno e il battitore è pronto e in grado di fare la storia… in uno stadio silenzioso?

L’industria sportiva è intrinsecamente guidata dagli spettatori. Anche i campionati di esportazione (videogiochi) attirano decine di migliaia di persone nelle arene per guardare uno schermo gigante.

Lo stesso football americano potrebbe dare il via all’inizio del suo secolare declino di popolarità, simile al modello testimoniato dalla boxe negli anni ’20, quando il pugilato come sport raggiunse il suo apice. La Grande Depressione, così come gli appelli contro la barbarie associata a questo sport, alla fine hanno spinto la boxe fuori dai riflettori. Abbiamo già visto questo modello in passato. Con l’aumento della consapevolezza circa l’impatto dello schiacciamento del casco di uno contro un altro più e più volte (CTE), insieme alla recessione, potrebbe essere quello che ci vuole per ridurre la domanda per lo sport preferito della nazione nei prossimi decenni. Sono sicuro che molti di voi saranno violentemente in disaccordo, ma i declini secolari richiedono decenni, non anni.

Lo sport in diretta è stata l’ultima ancora di salvezza per la televisione. Il telegiornale 24 ore su 24, 7 giorni su 7 è l’unico evento in diretta rimasto e, come lo zucchero, dovrebbe essere consumato solo in piccolissime dosi. Con la cancellazione dello sport, è probabile che vedremo la fine delle trasmissioni televisive così come le conosciamo. Non è un concetto nuovo, visto che i tagliacorde e i provider di streaming over-the-top come Netflix e Hulu stanno guadagnando terreno da anni. Anche le ramificazioni per l’industria pubblicitaria sono tetre.

Le sale cinematografiche possono diventare reliquie del passato simili a quelle dei drive-in di molti anni fa. L’idea di stare seduti al buio in mezzo agli sconosciuti e non conoscere il loro livello di immunità probabilmente non cambierà da un giorno all’altro. Portate i vostri figli a teatro per vedere l’ultima versione di Frozen?

Ironia della sorte, i drive-in hanno prosperato nell’era del coronavirus, mentre le sale cinematografiche rimangono completamente chiuse. Il pendolo sta tornando a oscillare.

Ma che dire dei film? Tutta la produzione a Hollywood è ferma da oltre un mese, il che significa che non vengono prodotti nuovi film o programmi televisivi. Storicamente, in tempi di recessione, i dollari degli investimenti confluiscono nello “sviluppo del concetto” come le sceneggiature, ma gli sceneggiatori tendono a costituire solo una frazione del personale impiegato nell’industria cinematografica.

Cosa succede se Netflix e Amazon non avessero più nuove uscite per tenere il loro pubblico agganciato? Le persone stesse diventerebbero i creatori di contenuti.

Non dovrebbe essere una sorpresa che stiamo assistendo a un’esplosione di sfide di danza su Tik-Tok e di flussi live di celebrità su Instagram in un mondo dove non c’è la TV dal vivo. Tik-Tok si sta avvicinando a 2 miliardi di installazioni in tutto il mondo. Il numero di abbonamenti ai podcast disponibili è raddoppiato da 500.000 a 1M in meno di due anni.

Nel bene e nel male, la creazione di contenuti si sta allontanando dagli studi centralizzati come Hollywood per passare nelle mani dei cittadini. 

Un adolescente di Seul sarà in grado di creare un capolavoro come Parasite sul suo cellulare? Ne dubito. Ma l’attenzione si sposterà sul breve termine e Hollywood avrà bisogno di una strategia, dato che sempre più aziende tecnologiche commoditizzano gli strumenti di produzione come gli effetti speciali e il sound design per i profani.

Infine, ma non meno importante, la musica. Con la cancellazione della SXSW di quest’anno, l’industria della musica dal vivo è semplicemente implosa da un giorno all’altro. Non c’è altro modo per descriverlo come ogni tour, ogni spettacolo, e ogni festival è ora cancellato. La maggior parte dei promotori non si riprenderà mai. I luoghi della musica famosi stanno chiudendo definitivamente le loro porte. Forse i rave sono sempre stati un passo avanti con le loro maschere infami.

Live Nation, un promotore di eventi pubblicamente negoziati e gestore di locali, ha visto le sue azioni crollare del 40% e ha tagliato gli stipendi dei dirigenti mentre prendeva in prestito 150 milioni di dollari per superare la tempesta. È molto difficile vedere l’industria della musica dal vivo riprendersi rapidamente e quando lo farà, non sarà più la stessa.

Tuttavia, c’è un filo conduttore tra tutte e tre queste grandi aree di intrattenimento: lo streaming.

Gli eSports continueranno a superare le prestazioni rispetto agli sport tradizionali, dato che sempre più “sport dal vivo” diventano digitali. XBOX Live ha subito un’interruzione di corrente a causa di una massiccia ondata di utenti solo poche settimane fa e continua a dover strozzare le nuove registrazioni per alcuni giochi ed esperienze. Con reti livestream come Twitch e Mixer, un numero sempre maggiore di giocatori e, in ultima analisi, di spettatori vedrà i giocatori competere dal vivo. Infatti, gli attuali giocatori NBA recentemente si sono scontrati giocando a NBA 2K dal vivo coi loro fan su ESPN. L’offuscamento di questi mondi è surreale.

Per gli spettacoli cinematografici e televisivi (se è così che si chiamano al giorno d’oggi), i fornitori di streaming continueranno a prosperare mentre la trasmissione ne soffrirà. I fornitori di streaming video sono abbondanti: Netflix, Amazon, Apple TV+, Disney+, Hulu, Quibi, Roku, HBO Max, YouTube, ecc. I giorni in cui si possedeva un contenuto o una distribuzione sono finiti – bisogna avere entrambi per poter competere.

I musicisti fanno spettacoli in diretta streaming. I DJ stanno partecipando a maratone di 36 ore in diretta mondiale in streaming agli ascoltatori di tutto il mondo. Le discoteche silenziose non si limitano a indossare le cuffie e a ballare in mezzo alla gente, ma si estendono anche alle cuffie e a ballare da soli a casa.

IL VIDEO È LA NUOVA PIATTAFORMA

Data l’impennata nell’uso delle applicazioni di video streaming e l’espansione dei loro casi d’uso, che vanno dagli appuntamenti con i medici agli happy hour, il video diventerà la prossima grande piattaforma tecnologica. Questo modello l’abbiamo già visto di recente con i telefoni cellulari.

Negli ultimi 12 anni, lo smartphone ha inaugurato una nuova era di innovazione e di concorrenza spietata, ora dominata da un duopolio tra Apple e Google. Il valore creato è di centinaia di miliardi di dollari. Sviluppatori di software, creatori di contenuti, cultura influencer, mobile shopping, provider di pagamenti e produttori di chip sono solo alcuni dei risultati della piattaforma smartphone.

Per il prossimo decennio, il video sarà quel campo di battaglia. Dovrebbe esservi evidente il motivo per cui questo si svolge, se avete letto fino a questo punto, ma il video come piattaforma è ancora agli inizi. Zoom ha un SDK per gli sviluppatori. Così come Slack, Skype, Hangouts e Teams.

Al di là degli sviluppatori di software, una sottocultura in piena espansione di sfondi personalizzati per le riunioni sta suggerendo ai creativi di contribuire allo spazio.

L’apprendimento a distanza è nella sua infanzia, poiché gli educatori dovranno rinnovare completamente il loro processo di insegnamento, test, valutazione e reporting. Il video è il mezzo, non un’aula.

Immaginate di usare l’apprendimento automatico per bloccare il suono del vostro cane che abbaia in sottofondo quando si presenta il fattorino o di usare l’intelligenza artificiale per generare pacchetti persi e riempire l’audio mancante quando la vostra connessione è inaffidabile. Il futuro è già qui, come al solito non è uniformemente distribuito.

L’avvento dell’iPhone e della più ampia industria degli smartphone ha creato non solo la prossima grande piattaforma informatica per i tecnologi e per quelli della periferia, ma ha portato con sé cambiamenti fondamentali nel comportamento umano che hanno cambiato il corso della storia.

Per esempio, è difficile immaginare che ci sia stato un tempo prima che l’egoismo esistesse. Nel 2006, l’idea di usare una macchina fotografica per scattare una foto di se stessi è stata rara. Tuttavia, l’iPhone l’ha cambiata.

Prendete la fotocamera frontale di un iPhone e abbinatela a Instagram, un’applicazione che vi premia per quello che normalmente sarebbe considerato un comportamento narcisistico tramite likes e commenti, e un’esplosione globale di comportamenti auto-documentanti si verifica apparentemente da un giorno all’altro. Cosa è scaturito da un tale apparentemente innocente cambiamento comportamentale? Molto.

È nata una cultura influenzatrice. La depressione adolescenziale ha avuto un picco. La dipendenza dagli smartphone è aumentata. Le riviste sono tramontate in larga misura quando Instagram è divenuto il vostro Infinito, altamente personalizzato e mirato Vogue digitale, GQ, Sports Illustrated, Cosmopolitan, Economist e Playboy, tutto avvolto in uno.

È stato l’egoismo stesso a causare tutto questo? Certo che no, ma i cambiamenti comportamentali umani come il selfie sono ciò che tendo a cercare man mano che le piattaforme tecnologiche si materializzano e si espandono come prova di grandi cambiamenti sociali all’orizzonte.

La società globale è cambiata drasticamente a causa di quello che sembra essere un cambiamento innocuo nel comportamento umano. Quali cambiamenti comportamentali sono in arrivo dopo il coronavirus?

IL NOSTRO CAMBIAMENTO COMPORTAMENTALE GLOBALE COLLETTIVO

Gli esseri umani che sono stati in costante movimento per decenni sono stati costretti a un brusco arresto a causa di un nemico invisibile che crea diffidenza tra chiunque starnutisca nelle vicinanze. Le ramificazioni che ne derivano sono profonde.

Avete trovato il vostro stress elevato quando andate in un negozio di alimentari? Hai portato con te i tuoi figli?

Giudichi le persone se non indossano una maschera?

Hai imbrogliato un po’ e hai guidato in un posto che non era essenziale?

Hai lavorato, ti sei allenato e rilassato nella stessa stanza del tuo appartamento?

Date più mance alle persone che fanno le consegne?

Sei diventato un fattorino?

Hai cucinato il pane?

Che ne dite di un progetto di miglioramento della casa?

Avete costruito un ufficio di fortuna o utilizzate effettivamente il vostro ufficio a casa?

Quando osserviamo importanti cambiamenti comportamentali come società globale, si creano enormi opportunità e potenzialità, oltre che la fine di ideologie, costumi e aziende eccessive e fragili.

Prendete la cultura influencer, un settore molto popolare che si è evoluto dalla piattaforma smartphone. L’intera industria è ormai morta? Una blogger molto popolare e benestante è stata recentemente messa sotto pressione dai suoi seguaci e dai media per aver documentato la sua esperienza di test COVID-19 e per essersi ritirata nella sua casa negli Hamptons, lasciando la sua residenza di Manhattan. Un altro influencer ha semplicemente “esaurito le cose da dire”.

E la moda? Considerato il potenziale di gravi interruzioni della catena di fornitura, i punti vendita “fast-fashion” come Zara e H&M sopravvivono? Gli esseri umani diventano più laboriosi o le masse continuano a seguire le case di moda troppo costose? Le linee per il tempo libero si evolvono verso una linea “WFH-leisure”? Cosa dice di te la tua maschera? Rappresenti la tua squadra sportiva preferita o Louis Vuitton? A quale tribù appartieni?

E parlando di tribù, un altro risultato del coronavirus è che le portaerei degli Stati Uniti sono attualmente immobilizzate. Vivremo la nostra prima guerra meccanizzata? Perché mettere le tue truppe in un sottomarino o in un carro armato quando un drone può fare il lavoro al posto tuo? Inoltre, dopo tutto, abbiamo allenato i nostri giovani per anni con le nostre competizioni esports.

Infine, ma non per questo meno importante, abbiamo raggiunto il “picco della città”. San Francisco è probabilmente il manifesto del perché cominceremo a vedere il pendolo oscillare lontano dagli esseri umani che migrano verso le città densamente popolate verso la migrazione appena fuori di esse, abbastanza vicino da ottenere ancora alcuni dei benefici della città, ma senza i costi estremi e i rischi per la salute che le aree densamente popolate forniscono.

San Francisco è di gran lunga la città più costosa degli Stati Uniti, eppure è ricoperta di feci (che notoriamente permettono la trasmissione del coronavirus) e disseminata di siringhe usate. Dato che la maggior parte dei posti di lavoro a San Francisco sono quelli “nella nuvola”, perché si dovrebbe scegliere di vivere in un posto come questo?

New York City, anche se più pulita e meno costosa di SF, sta vedendo molti dei suoi residenti riconsiderare la possibilità di rimanere.

Il pendolo sta probabilmente dondolando verso casa.

I cambiamenti comportamentali derivanti dall’attuale situazione e dal post-coronavirus plasmeranno drammaticamente una serie di sfaccettature della nostra vita quotidiana, dal lavoro, all’intrattenimento, all’assistenza sanitaria. Indietro non si torna.

Sono estremamente ottimista riguardo al nostro futuro, poiché l’opportunità che ci si presenta con questa crisi è un’opportunità che capita una volta nella vita, non solo per gli affari, ma per l’arte, la creatività e l’umanità in generale.

Sono ottimista sull’umanità.

Diffondetelo.